De Magistris contro De Luca: “A Napoli aprirò tutto h24, inutile chiusura alle 23”

De Magistris contro De Luca: “A Napoli aprirò tutto h24, inutile chiusura alle 23”

“Così il rischio contagio è maggiore. Se lui si candida a sindaco può anche prendere il lanciafiamme e sparare ogni napoletano che incontra per strada”, attacca il primo cittadino


NAPOLI – Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, attacca il governatore della Campania, Vincenzo De Luca. Lo ha fatto poco fa ai microfoni di Kiss Kiss Napoli, in evidente disaccordo con la recente ordinanza regionale riguardante la “movida”: “Non può chiudere alle 23 i locali – ha detto il primo cittadini del capoluogo partenopeo –  perché così facendo concentri ancora di più le persone e dopo chi vuole bere lo farà nelle case dove c’è ancora più rischio di contagio e lui lo sa bene. De Luca sta facendo una propaganda a danno della città. De Luca deve programmare e rispondere della sanità, cosa che non fa, invece per acquisire consensi vuole entrare su temi che non gli appartengono. Non deve pensare a Via Chiaia o al centro storico, se si candida a sindaco può anche prendere il lanciafiamme e sparare ogni napoletano che incontra per strada”. 

Il Sindaco di Napoli ha rincarato la dose ai microfoni di “Centocittà” trasmissione in onda su Radio1.

“Sono completamente contrario alla chiusura anticipata – ha detto –  È sbagliato questo modo di procedere con le ordinanze regionali, sono i sindaci che devono regolamentare le città. La gente non scompare, ma succede esattamente il contrario. Noi dobbiamo aprire tutto ed è quello che farò io a Napoli, aprirò tutto h24: parchi, strade, metteremo una piattaforma di legno sulle scogliere”.

De Luca non ha risposto a De Magistris in maniera diretta, ma la replica si evince dai contenuti. Il governatore lancia una campagna “cafoneria zero”.“Cogliamo l’occasione – ha detto – per umanizzare i momenti di incontro affinché non ci si rincretinisca con alcol e droghe.  Approfittiamo per fare una campagna cafoni zero, no boor”.
“Teniamo bloccata la movida con la chiusura dei baretti alle ore 23 – ha dichiarato in diretta Facebook – nessuno può immaginare che tornare alla normalità sia tornare a fare quello che si faceva prima, dobbiamo avere il coraggio di dirlo ai giovani. C’è una crescente massificazione alienante anche per il divertimento”.

Il governatore si scaglia poi contro l’uso di alcol e pasticche, “approfittiamo per annullare queste abitudini a rincretinirsi”.  Al Viminale chiede di “dare direttive rigorose per il controllo dell’uso delle mascherine e assembramenti notturno” e chiede anche “che sia pubblicata ogni giorno la lista delle ammende fatte a chi non indossava le mascherine”.

L’INCONTRO

E’ notizia di poco fa che il governatore Vincenzo De Luca ed il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, si sono incontrati. Nei giorni scorsi era stato lo stesso de Magistris a chiedere a De Luca un incontro per discutere sui come affrontare la fase 2 in città. L’incontro è durato poco più di trenta minuti.

Resta aggiornato con le notizie de ilmeridianonews.it, seguici su FACEBOOK, clicca QUI