Giugliano, la morte del piccolo Anthony: per l’accusa è “omicidio colposo”

Giugliano, la morte del piccolo Anthony: per l’accusa è “omicidio colposo”

Sulla vicenda sono in corso le indagini dei Carabinieri della stazione di Varcaturo e quelli della compagnia di Giugliano


GIUGLIANO IN CAMPANIA – Il piccolo Anthony Ciotola è deceduto a 4 anni cadendo in piscina nella villetta di famiglia, a Varcaturo, mentre si trovava in compagnia della sorella 19enne. I genitori non erano in casa. In serata, un altro evento tragico, il padre del piccolo stava raggiungendo l’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli per portare il vestitino da far indossare al figlio deceduto e si è ribaltato più volte con la sua auto rimanendo gravemente ferito. Sulla vicenda sono in corso le indagini dei Carabinieri della stazione di Varcaturo e quelli della compagnia di Giugliano. 

L’autorità giudiziaria ha aperto un fascicolo sull’accusa di omicidio colposo. Gli inquirenti hanno infatti avviato un’inchiesta contro ignoti dopo aver effettuato gli accertamenti del caso. Le indagini in corso sono volte alla ricostruzione esatta della dinamica con cui è avvenuta la tragedia. Al vaglio degli investigatori ci sono le modalità di costruzione della piscina rispetto a dove si trova la finestra dalla quale è caduto fatalmente il piccolo Anthony, finendo poi in piscina ed annegando.

LEGGI ANCHE:

Giugliano, bimbo di 4 anni annega in piscina: il padre corre in ospedale e si ribalta con l’auto, è grave