Laurearsi ai tempi del Covid-19: la storia di Adriana Granata

Laurearsi ai tempi del Covid-19: la storia di Adriana Granata

Se discutere la tesi è già di suo una grande emozione, la studentessa di Villaricca ci spiega cosa significhi farlo attraverso un computer, tra le mura di casa propria


VILLARICCA – Adriana Granata è una ragazza di 22 anni, nata a Villaricca. Lo scorso 14 maggio si è laureata con il voto di 90/110 in Scienze dell’educazione, curriculum di Scienze umane, all’Università di Napoli Suor Orsola Benincasa.

“Devo ringraziare soprattutto la mia famiglia, che mi ha seguito passo passo durante il mio percorso universitario”: sono state queste le parole d’esordio attraverso le quali la studentessa ha voluto sottolineare tutta la sua gratitudine nei confronti del padre e della madre.

“Attraverso la mia tesi ho trattato il tema del dualismo dell’uomo contemporaneo, in particolare per quanto riguarda il rapporto tra la religione e la società”, ha specificato la giovane. Ha poi concluso il suo discorso dicendo che una delle fonti d’ispirazione principali durante i suoi ultimi anni di studio è stata una citazione di San Francesco D’Assisi: “Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile e all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”.

Tramite un post sul suo profilo Facebook, infine, Adriana ha cercato di descrivere le sue sensazioni durante l’arco di quella giornata: “Io sono davvero entusiasta e soddisfatta di come sia andata la giornata e di come sia andata la mia discussione. Forse ancora devo metabolizzare che, a 22 anni, ho già raggiunto uno dei primi traguardi della mia vita. Mi sembra di essere ancora così piccola e che sia andato tutto così veloce. Ma chiunque mi vive, sa bene che mi sono goduta ogni attimo, passo dopo passo, lezione dopo lezione, dopo ore di tirocinio, a volte con fatica, altre volte con spensieratezza”.