Accoltellamento in hotel 3 morti: ucciso l’attentatore

Accoltellamento in hotel 3 morti: ucciso l’attentatore

Il balordo è stato colpito dal fuoco d’un agente armato


GLASGOW – La polizia di Glasgow conferma per ora la morte del solo aggressore e il ferimento di sei persone, nell’ultimo bilancio ufficiale dell’accoltellamento avvenuto nella città scozzese, presso un hotel usato all’inizio della pandemia di coronavirus per ospitare richiedenti asilo. “L’individuo (sospettato del raid) è stato colpito dal fuoco d’un agente armato – si legge nel profilo Twitter della polizia – ed è morto. Altre 6 persone sono ferite e ricoverate, incluso un poliziotto che è in condizioni critiche, ma stabili”.

L’attacco – aveva riferito la Bbc – sarebbe avvenuto sulle scale di un hotel e l’aggressore sarebbe stato ucciso dalla polizia.  L’episodio è avvenuto presso il Park Inn hotel di Glasgow e non risultano esservi al momento altri ricercati a parte il presunto aggressore abbattuto alla fine da colpi di arma da fuoco della polizia. Un testimone, Craig Milroy, citato da Bbc, ha detto di aver visto un uomo di colore sanguinante per terra di fronte all’albergo, ma di non sapere se si trattasse del killer o di una vittima. Milroy ha parlato di momenti di terrore e dell’intervento immediato di pattuglie e ambulanze, con la zona isolata.

“Notizie davvero spaventose dal centro di Glasgow – ha twittato intanto la first minister del governo locale scozzese, Nicola Sturgeon -, i miei pensieri sono per tutte le persone colpite. Vengo aggiornata a mano a mano che la situazione diventa più chiara”. “Per favore – ha aggiunto Sturgeon rivolgendosi ai cittadini – state lontani dalla zona, permettete ai servizi di emergenza di fare il loro lavoro e non condividete informazioni non confermate”. Di episodio “allarmante” ha parlato poi la ministra dell’Interno britannica, Priti Patel.

COMUNICATO STAMPA