Agguato a Piazza Nazionale, caso Noemi: chiesti 20 anni per i fratelli Del Re

Agguato a Piazza Nazionale, caso Noemi: chiesti 20 anni per i fratelli Del Re

La piccola fu colpita da un proiettile che le perforò il polmone e scheggiò la colonna vertebrale


Noemi

NAPOLI – Venti anni di reclusione. Questa è la richiesta per i fratelli Armando e Antonio Del Re, accusati di essere gli esecutori materiali dell’agguato avvenuto a piazza Nazionale il 3 maggio dello scorso anno a Napoli. Noemi, bimba di quattro anni, che passeggiava in strada con la nonna, rimase ferita gravemente per errore dai killer; un proiettile le perforò il polmone e scheggiò la colonna vertebrale, un altro si conficcò nel gluteo della nonna.

Da allora la bambina è costretta a seguire cure e terapie, dopo aver rischiato per lungo tempo di perdere anche la vita. Il vero obiettivo dei killer, giunti in scooter in piazza Nazionale, era Salvatore Nurcato, esponente di un clan rivale, riuscito a sfuggire all’agguato. La richiesta è stata avanzata al termine della requisitoria dei pm Antonella Fratello e Simona Rossi davanti al gip di Napoli. I genitori di Noemi si sono costituti parte civile, come il Comune di Napoli.

COMUNICATO STAMPA

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage