Caos a Mondragone: bulgari forzano il blocco della zona rossa

Caos a Mondragone: bulgari forzano il blocco della zona rossa

Il Sindaco: “Incredibile atto di insubordinazione. Chiedo ripristino legalità e ordine pubblico”


MONDRAGONE – Questa mattina un gruppo di bulgari ha protestato uscendo fuori dalla zona rossa. Quattro persone sono ancora ricercate. Diversi i momenti di nervosismo, ma le forze dell’ordine che presidiano i varchi sono riuscite a riportare dentro gli stranieri. Un sintomo della tensione che si vive in questi giorni nella cittadina casertana a causa del focolaio di coronavirus. Le forze dell’ordine e i volontari della protezione civile, provenienti anche dai centri vicini, continuano a presidiare tutti i varchi, lampeggianti e luci accese, compreso quello adiacente il distributore di benzina dal quale, come documentato in un video, due persone erano riuscite ad uscire rompendo l’isolamento domiciliare imposto dall’ordinanza regionale.

“Questa mattina ho assistito personalmente a un inaccettabile atto di insubordinazione di oltre cinquanta cittadini ivi domiciliati, stranieri e non, i quali uscendo dalle rispettive abitazioni e violando di fatto il cordone sanitario, hanno concretizzato un gravissimo atto di insubordinazione rispetto ai precetti dell’ordinanza regionale, creando panico e paura nella cittadinanza che ha dovuto assistere all’impotenza delle poche forze dell’ordine presenti”.

Queste le parole del sindaco di Mondragone, Virgilio Pacifico, in merito ad alcuni cittadini scesi in strada oggi nell’area dei Palazzi Cirio, messa in quarantena a causa di un focolaio di cornavirus. Per chi vive nei Palazzi Cirio, con un’ordinanza regionale firmata dal governatore Vincenzo De Luca, è stato disposto l’obbligo di isolamento domiciliare fino al prossimo 30 giugno. “Appena due giorni fa – aggiunge il primo cittadino – rappresentavo al questore di Caserta l’insufficienza delle risorse umane impegnate per il rispetto dell’ordinanza, ma il questore affermava la mia incompetenza in materia. Chiedo, pertanto, un intervento urgente affinché possa essere adottata ogni misura e azione al fine di ripristinare la legalità e l’ordine pubblico clamorosamente violato questa mattina”.

LA NOTA DEL CONSIGLIERE BORRELLI

Cresce la tensione a Mondragone, 50 persone evadono dalla zona rossa e protestano occupando la strada. In arrivo l’esercito. Borrelli: “Situazione gravissima e fuori controllo. Abbiamo inviato una nota a De Luca, chiediamo che queste persone vengano denunciate ed obbligate alla quarantena. Serve inoltre che la zona sia constatemene sorvegliata e presidiata dalle forze dell’ordine.”

Continua a crescere la tensione a Mondragone dopo la dichiarazione di zona rossa dell’area dei palazzi ex Cirio.
La maggior parte dei contagiati che ha dato vita al focolaio di covid-19 appartiene alla comunità bulgara di cui diversi membri hanno deciso di evadere dalla zona rossa aumentando quindi vertiginosamente il rischio di dar vita a nuovi e numerosi contagi, come mostrano le diverse segnalazioni inviate dai cittadini di Mondragone, molto allarmati, al Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

Durante la mattinata del 25 giugno, come mostrano le immagini di un filmato segnalato al Consigliere Borrelli, un gruppo di 50 persone, stranieri e non, ha deciso di protestare uscendo fuori la zona rossa andando ad occupare Viale Margherita senza che vi sia stato un’opposizione da parte delle forze dell’ordine. Il sindaco di Mondragone ha chiesto al Prefetto di adottare ogni misura che possa servire a ripristinare l’odine.

Mentre il Governatore della Campania De Luca ha richiesto al Ministero dell’interno l’invio urgente i un centinaio di uomini delle forze dell’ordine per garantire il controllo rigoroso del territorio

“La situazione è davvero fuori controllo, i cittadini mondragonesi sono a giusta ragione preoccupatissimi e non capiscono il motivo per cui non siano presi dei provvedimenti drastici contro questi cittadini bulgari che stanno infrangendo le regole mettendo in pericolo l’intera cittadinanza. Abbiamo inviato una nota al Presidente della Giunta Regionale Vincenzo De Luca per capire a quali provvedimenti si intenda ricorrere oltre ad utilizzare l’esercito. Chiediamo che i membri della comunità bulgara siano denunciati e obbligati alla quarantena forzata e che il territorio di Mondragone siano constatemene pattugliato e sorvegliato, non s possono solitamente correre rischi. La situazione è molto grave. ”ha dichiarato Il Consigliere Borrelli.

IL VIDEO:

Caos a Mondragone

‼️ CAOS A MONDRAGONE: OLTRE 50 BULGARI FORZANO IL BLOCCO DELLA ZONA ROSSA Le parole del Sindaco ➡️ https://bit.ly/3exTQ5t

Posted by Il Meridiano News on Thursday, June 25, 2020