Gli rubano lo scooter durante i festeggiamenti: per lui è in arrivo un nuovo ciclomotore

Gli rubano lo scooter durante i festeggiamenti: per lui è in arrivo un nuovo ciclomotore

I ladri, per spaventare Sasy ed i suoi amici, avevano utilizzato anche un’arma: “Mentre ci rialzavamo – ha detto – ci hanno puntato contro una pistola”


NAPOLI –  Lo scooter scaraventato a terra e rubato durante i festeggiamenti per la coppa Italia vinta dal Napoli ieri sera. E’ arrivata la risposta della Napoli civile, che si è mobilitata per regalare un nuovo ciclomotore alla vittima, Salvatore, detto “Sasy”. L’episodio è accaduto questa notte in via San Giovanni e Paolo, zona Sangiovanniello, nei pressi di Piazza Carlo III. Al ragazzo lo scooter serviva per lavorare, per effettuare consegne. Il ragazzo  ha rivolto un appello ai calciatori del Napoli affinchè gli comprassero un nuovo scooter.

“Ciao Salvatore, sono troppo felice di farti sapere che ‘qualcuno’ , che non vuole che si sveli l’ identità, ha ascoltato e raccolto il nostro appello. Entro la prossima settimana quindi, potrai ricomprare un motorino simile a quello che ti hanno rubato. Potrai tornare a lavoro ma anche e soprattutto a vivere i tuoi 23 anni. Gianni Simioli e tutto il gruppo de #laradiazza insieme a chi ci sostiene e ascolta”, questo quanto scritto dal conduttore radiofonico di Radio Marte sulla sua pagina Facebook.

IL RACCONTO  DELLA VITTIMA 

“Ero con degli amici a Melito per guardare la partita del Napoli – ha spiegato Salvatore. Dopo la vittoria siamo usciti per festeggiare, fino a quando un gruppo di persone ci ha scaraventato dallo scooter”.

I ladri, per spaventare Sasy ed i suoi amici, avevano utilizzato anche un’arma: “Mentre ci rialzavamo – ha detto – ci hanno puntato contro una pistola. Abbiamo capito subito che non era il caso di reagire, così siamo andati subito a sporgere denuncia. Quello scooter – ha aggiunto Salvatore – mi è costato 1550 euro e mi serviva per lavorare. Soltanto pochi giorni fa avevo trovato un posto in Uber, l’azienda che fornisce un servizio di trasporto e si occupa anche delle consegne di cibo a domicilio. Avrei dovuto iniziare a lavorare tra oggi e domani, ma purtroppo mi hanno portato via lo scooter”.

Salvatore, la cui famiglia versa in condizioni economiche difficili, si è rivolto ai calciatori del Napoli chiedendo aiuto:  “Spero – ha detto – possano accogliere la mia richiesta così da riavere il mio scooter e poter iniziare a lavorare”.

Il ragazzo, alla fine, ha provato anche a sdrammatizzare: “La cosa più importante è che abbia vinto il Napoli”.

GUARDA IL VIDEO DELLA RAPINA CLICCA QUI

CLICCA QUI PER ASCOLTARE L’INTERVISTA