Napoli, biglietti Anm da 1,10 euro introvabili, la denuncia: “Vanno in mano a bagarini”

Napoli, biglietti Anm da 1,10 euro introvabili, la denuncia: “Vanno in mano a bagarini”

“Vengono rivenduti ad 1 euro e 50 centesimi – denuncia un cittadino – e molti li comprano pur di evitare di perdere tempo a cercali nelle rivendite regolari, dove non si trovano facilmente”


NAPOLI – Continuano ad essere introvabili i ticket Anm da 1,10, quelli da corsa singola, e così gli utenti sono costretti ancora a ripiegare sui biglietti Tic da 1,60 euro.  La carenza dei ticket sembra che abbia dato vita al fenomeno del bagarinaggio, infatti all’interno della stazione della funicolare di Piazza Fuga un uomo proporrebbe ai viaggiatori acquisto dei biglietti a prezzo maggiorato. La vicenda è stata segnalata da un cittadino in diretta telefonica durante la trasmissione radiofonica” La Radiazza”, condotta da Gianni Simioli e con il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

“Un gruppo di ragazzi arriva alla stazione di piazza Fuga della Funicolare Centrale. L’edicolante è sprovvisto dei ticket da 1 euro e 10, nemmeno i bar adiacenti li hanno. Subito si palesa un giovane in tuta che si offre di risolvere il problema. I biglietti lui li ha e li vende a 1 euro e 50 centesimi. I giovani desistono e mi segnalano l’accaduto ma poco dopo un gruppo di ragazze ha pagato il prezzo ‘rincarato’ pur di evitare il giro del quartiere alla ricerca di biglietti.”- è la denuncia del cittadino.

“Abbiamo subito girato la segnalazione alle autorità preposte. Riteniamo inaccettabile la carenza di distribuzione dei ticket che alimenta questa vergogna. Altrettanto grave la situazione a valle della stessa Funicolare dove l’unica macchinetta presente non dà resto e i cittadini sono costretti ad acquistare il biglietto integrato da un euro e 60 centesimi per una corsa urbana.  Facciamo appello al management dell’azienda di trasporto affinché in tempi brevissimi si risolvano questi disagi ai cittadini”.- hanno dichiarato il Consigliere Borrelli e Simioli.

ASCOLTA L’AUDIO DELL’INTERVISTA CLICCANDO QUI