Nas in azione a Giugliano, Fratta ed altri comuni: numerosi sequestri e sanzioni

Nas in azione a Giugliano, Fratta ed altri comuni: numerosi sequestri e sanzioni

Le operazioni in diverse città dell’area nord di Napoli e della zona vesuviana


nas

AREA NORD E VESUVIANO – Il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute di Roma ha disposto una serie di servizi di controlli, che vengono eseguiti dai vari NAS dislocati nelle varie provincie d’Italia, tesi al contenimento degli effetti dell’emergenza da COVID 19, allo scopo di infrenare condotte potenzialmente dannose per la salute pubblica e contrarie alle ordinanze e decreti emanati dalle autorità nazionali e regionali. In tale quadro, si riportano gli esiti di alcuni controlli condotti dal NAS nel comune di Napoli e in provincia:

Caivano, i Carabinieri hanno eseguito una verifica igienico sanitaria presso un supermercato di via Risorgimento, col supporto di personale tecnico della locale ASL, al termine della quale hanno proceduto alla chiusura di un deposito per alimenti poiché gravato da gravi carenze igienico- sanitarie e strutturali, nonche’ privo di autorizzazione sanitaria. Al gestore dell’attività è stata prescritta altresi’ la risoluzione di ulteriori non conformità.

Calvizzano, a conclusione di una verifica eseguita in una locale farmacia, i Carabinieri del NAS hanno eseguito il sequestro amministrativo di oltre 1.500 semimascherine facciali per le quali non è stata prodotta la necessaria documentazione giustificativa della messa in commercio.

Successivamente ad una verifica igienico sanitaria eseguita in un’azienda produttrice di olio, sita nel comune di Casavatore, il NAS ha segnalato alle competenti autorità il conduttore dell’azienda che deteneva per la commercializzazione 100 litri di olio risultato essere, a seguito di successivi accertamenti, composto da un misto di olio di semi ed olio d’oliva.

Giugliano in Campania, i Carabinieri del NAS hanno proceduto alla chiusura di un deposito per alimenti, poiche’ privo dei requisiti minimi igienico sanitari/strutturali e abusivamente attivato presso una locale rosticceria. Nella medesima circostanza procedevano, altresì, al sequestro di kg. 40 circa di alimenti allo stato congelato, tra cui salsiccia, gnocchi e pasticceria varia, poiché privi di indicazioni utili alla rintracciabilità alimentare e delle previste procedure in autocontrollo HACCP.

Palma Campania, i Carabinieri del NAS hanno eseguito una verifica igienico sanitario in un bar pasticceria di via Circumvallazione, a conclusione della quale hanno proceduto al sequestro amministrativo di kg. 50 di alimenti (cornetti, sfogliatelle, fondi per torte, bigne’, prodotti di friggitoria), poichè privi di qualsivoglia informazione utile a garantirne la rintracciabilita’ alimentare

Ottaviano, in un panificio ubicato nel centro del comune, il NAS ha effettuato un controllo igienico sanitario a conclusione del quale ha proceduto al sequestro amministrativo di kg. 50 di alimenti (fondi per torte a base di cioccolato (dolci, pane condito, contorni pronti), poichè privi di qualsivoglia informazione utile a garantirne la rintracciabilita’ alimentare.

Frattaminore, è stato eseguito dai Carabinieri del NAS un controllo presso una nota attivita’ di ristorazione, nel corso della quale emergevano gravissime carenze igienico-santarie-strutturali e documentali, riferite agli ambienti deputati alla manipolazione, preparazione e deposito di alimenti/preparati di gastronomia, nonche’ ad un servizio igienico in uso al personale dipendente ed alle aree di somministrazione al pubblico. In ragione di ciò, gli operanti procedevano all’immediata chiusura dell’attivita’ e contemporaneamente sequestravano amministrativamente 25 kg. circa di
alimenti rinvenuti allo stato sfuso nelle apparecchiature frigorifere ivi installate e funzionanti, poiche’privi di qualsivoglia indicazione utile alla rintracciabilita’ alimentare degli stessi e di procedure in autocontrollo HACCP.

Nola, militari del NAS unitamente a personale della locale ASL hanno eseguito una verifica igienico – sanitaria in un bar / paninoteca, a conclusione della quale hanno proceduto al sequestro amministrativo di kg. 60, poiche’ privi di rintracciabilita’ alimentare.

San Giuseppe Vesuviano, a conclusione di una verifica eseguita in un locale panificio, con annessa rivendita di altri generi alimentari, i Carabinieri hanno proceduto a:

·         chiusura amministrativa del locale seminterrato, adibito a laboratorio di lavorazione e
deposito di prodotti della panificazione e di altre derrate alimentari, poiche’ riscontrato in
pessime condizioni igienico-sanitarie e strutturali e mancante della prevista notifica
all’autorita’ competente;
·         intimare lo sgombero degli alimenti dai locali interdetti, nonche’ la risoluzioni di
carenze documentali relative alle procedure in autocontrollo HACCP.

Sant’Anastasia,i Carabinieri del NAS hanno fatto un’ispezione presso uno studio medico associato di medicina di base e specialistica a conclusione della quale hanno rilevato carenze sotto il profilo della sicurezza sui luoghi di lavoro e strutturali. Nella circostanza, è stato contestato alle parti anche l’aver attivato l’esercizio in parola senza aver presentato la prevista s.c.i.a. (segnalazione certificata inizio attività) all’autorità amministrativa.

Frattamaggiore, i Carabinieri hanno eseguito un’ispezione igienico-sanitaria presso una rivendita di ortofrutta e generi alimentari nel corso della quale hanno sequestrato amministrativamente kg. 80 circa di alimenti esposti in vendita, tra cui uova, conserve vegetali in barattolo, frutta secca e legumi vari, privi di qualsivoglia indicazione utile alla rintracciabilita’ alimentare degli stessi e/o di qualsivoglia procedura in autocontrollo HACCP.