Revocati i domiciliari per il noto sindaco campano: aveva accettato mazzetta da 250 euro

Revocati i domiciliari per il noto sindaco campano: aveva accettato mazzetta da 250 euro

Il 46enne avrebbe accettato i soldi per velocizzare le procedure burocratiche per dei lavori alla rete fognaria


PRAIANO (SALERNO) – Revocati i domiciliari per il sindaco di Praiano (SA) Giovanni Di Martino, che lo scorso venerdì era stato arrestato per concussione, avendo accettato una mazzetta da 250 euro da un amministratore di condominio. La misura cautelare dei domiciliari è stata sostituita con il divieto di dimora a Praiano, ed è stata modificata anche l’accusa, che è passata ad essere di induzione indebita.

Il sindaco 46enne avrebbe incassato i soldi per evitare ripercussioni amministrative e per velocizzare le procedure burocratiche per una questione riguardante dei lavori alla rete fognaria. Durante l’interrogatorio Di Martino avrebbe affermato che i 250 euro erano nient’altro che un acconto sui costi di un procedimento amministrativo, dunque il tutto sarebbe stato fatto senza commettere reato. Attualmente la procura sta accertando la sua versione.