Alessandro trovato morto a 21 anni in hotel. L’autopsia: overdose di cocaina

Alessandro trovato morto a 21 anni in hotel. L’autopsia: overdose di cocaina

La droga gli ha causato una devastante emorragia. Riscontrata anche una tossicosi cardiaca


PESCARA – C’è una storia di droga, come ipotizzato sin dai primi istanti, dietro la morte di Alessandro Di Nino, il 21enne originario di Ortona e residente a Pescara, trovato sabato mattina alle 6 in un lago di sangue in una stanza al quarto piano dell’hotel Holiday. Sulle gambe, tagli provocati dai vetri della finestra rotta, che però non sono la causa del decesso, avvenuto nel reparto di Rianimazione del Santo Spirito qualche ora dopo. A provocare la morte, stando a quanto emerso dall’autopsia effettuata ieri mattina dal medico legale Ildo Polidoro su disposizione del pm Rosangela Di Stefano, sono state le complicanze legate all’assunzione di cocaina in dosi massicce.

Assunzione che gli ha causato in pratica una devastante emorragia. Riscontrata anche una tossicosi cardiaca. In preda ad fortissimo malessere, è quindi molto probabile che il ragazzo abbia dato un calcio alla finestra, mandandola in frantumi e ferendosi.

FONTE: ILMESSAGGERO.IT