Coronavirus, un nuovo caso in Serie A: a rischio una partita in programma domani

Coronavirus, un nuovo caso in Serie A: a rischio una partita in programma domani

Si tratta, dall’inizio della pandemia, del terzo caso riscontrato nel club


PARMA – Un caso di positività al Coronavirus, il primo dalla ripresa del campionato, è stato evidenziato dagli esami in casa Parma Calcio. È lo stesso club a comunicarlo sul proprio sito ufficiale, spiegando che si tratta di un “membro (non calciatore) del gruppo squadra”, completamente asintomatico e prontamente isolato secondo le direttive federali e ministeriali. Tutti gli altri sono invece risultati negativi e hanno iniziato l’isolamento nel centro sportivo, ma “potranno continuare regolarmente l’attività, costantemente monitorati secondo il protocollo vigente”.

 

Terzo caso nel Parma

La positività al Covid-19 resa nota oggi dal Parma Calcio 1913, e che riguarda un membro non giocatore dello staff crociato, è il terzo caso riscontrato all’interno del club emiliano. Alla ripresa degli allenamenti dopo il lockdown erano infatti risultati positivi ad uno dei due tamponi effettuati due giocatori della rosa di Roberto D’Aversa. I due tesserati avevano regolarmente osservato la quarantena e, dopo nuovi test erano rientrati regolarmente in gruppo perché divenuti completamente negativi. Fra i due casi e quello riscontato oggi non ci sarebbe quindi alcuna correlazione.

Castellacci: “Ecco cosa potrebbe succedere”
“Il Parma? Lo abbiamo detto tante volte: il caso di positività nel calcio ce lo aspettavamo – ha detto il professor Castellacci dell’associazione italiana medici del calcio – Col vecchio protocollo il campionato ora sarebbe stato sospeso. Col nuovo protocollo fortunatamente la quarantena “soft” non implicherà la stop alle attività. Adesso il Parma vivrà isolato, nella “bolla”. Ci vorrà un secondo tampone a 2-3 ore dal fischio d’inizio del match col Bologna in programma domani alle 19.30 e se risulteranno tutti negativi la gara non sarà rinviata. in caso contrario, si procederà con il rinvio”.

FONTE: CORRIERE DELLO SPORT