Crisi nera per i ristoranti: uno su quattro rischia la chiusura

Crisi nera per i ristoranti: uno su quattro rischia la chiusura

L’analisi condotta in base ai dati di Confcommercio


NAPOLI – L’economia napoletana continua ad essere in forte crisi a seguito dell’emergenza Covid-19, ed uno dei settori maggiormente colpiti è stato senza dubbio quello della ristorazione. Secondo i dati racclti dalla Fipe Confcommercio, nonostante ogni esercizio commerciale abbia numeri differenti a seconda della zona, le cifre continuano ad essere in perdita. Massimo Porzio, della Fipe Napoli, spiega: “Ad uscire sono perlopiù i ragazzi, che spendono meno. Se il trend non si inverte tra ottobre e novembre vedremo chiusure di massa”.

Secondo lo studio, ad essere a rischio è un ristorante su quattro, oltre 1000 attività e 10mila dipendenti. Giuseppe Vesi, uno dei maggiori imprenditori nell’ambito della ristorazione a Napoli con 3 locali differenti aperti sul Lungomare, al Vomero e a piazza Miraglia, ha parlato della situazione dei suoi esercizi in relazione alla zona: “Quello del Lungomare è il locale che va meglio, che ha registrato rispetto a prima il 20% in meno. Lì abbiamo tenuto l’80% del lavoro. Al Vomero siamo calati del 50%. A piazza Miraglia, invece, registriamo un calo del 60-70%”.