Il mistero: circa 400 elefanti trovati morti in pochi mesi in prossimità dell’acqua

Il mistero: circa 400 elefanti trovati morti in pochi mesi in prossimità dell’acqua

Gli esperti: “Potrebbe essere un problema neurologico che colpisce i pachidermi, ma servono analisi più accurate”


DAL MONDO – Un avvelenamento intenzionale, una nuova malattia o lo zampino dei bracconieri: sono queste le ipotesi degli esperti in merito alla morte di circa 400 elefanti in soli tre mesi  in Botswana, Africa. Mai si era verificato un numero così alto di decessi animali per cause sconosciute. Fattore comune circa il rinvenimento degli esemplari senza vita è il posizionamento della carcasse in prossimità di specchi d’acqua, come fiumi, stagni o piccoli laghi.

Le morti sarebbero avvenute a partire dall’applicazione delle limitazioni turistiche in Africa, in relazione all’emergenza Covid-19, ma ancora non ci sono correlazioni certe tra i due eventi. Gli studiosi attualmente sostengono che «Potrebbe essere un problema neurologico che colpisce i pachidermi, ma servono analisi più accurate».