Mugnano, l’amministrazione abbassa la tassa della spazzatura ai commercianti chiusi durante l’emergenza Coronavirus

Mugnano, l’amministrazione abbassa la tassa della spazzatura ai commercianti chiusi durante l’emergenza Coronavirus

Il provvedimento è stato preso per agevolare coloro che sono stati più colpiti dal lockdown


MUGNANO – L’amministrazione abbassa la tassa della spazzatura ai commercianti chiusi durante l’emergenza.

L’Amministrazione Sarnataro abbassa la tassa della spazzatura del 25-30 per cento ai commercianti chiusi durante l’emergenza Coronavirus. L’importante provvedimento è stato votato ieri sera in Consiglio comunale all’unanimità.

La manovra finanziaria, resa possibile grazie ad un investimento di mezzo milione di euro dal bilancio comunale, prevede lo sconto del 25-30 per cento sulla bolletta dei rifiuti per tutte quelle attività commerciali rimaste chiuse per oltre due mesi nel corso dell’emergenza sanitaria.

“Questo è stato un anno particolare per tutti – sottolinea l’assessore al ramo Dario Palumbo – quindi abbiamo voluto agevolare i nostri commercianti, eliminando dalla tassa rifiuti tre mensilità. Il mancato incasso sarà interamente coperto dalle finanze comunali. Inoltre abbiamo riconfermato tutte le agevolazioni degli anni precedenti per i diversamente abili e le start up. In più potranno richiedere una riduzione tutte le famiglie con un Isee inferiore agli 8250 euro. In via eccezionale, in questi giorni verranno riaperti i termini per le domande di riduzione della Tari”.

Soddisfatto il sindaco Luigi Sarnataro: “Negli anni precedenti per legge tutto il costo del servizio di raccolta rifiuti sul territorio doveva essere pagato interamente dai cittadini. Quest’anno, invece, lo Stato ha dato la possibilità ai Comuni che hanno un avanzo di bilancio di poter coprire direttamente parte dell’importo, senza aumentare le bollette dei residenti, che restando anche loro a casa hanno comunque prodotto un quantitativo maggiore di rifiuti.

Un’occasione che abbiamo preso al volo, per andare ad agevolare chi è stato maggiormente colpito dal lockdown per il Covid-19 ed è stato obbligato ad abbassare la saracinesca per diversi mesi.

Siamo l’unico Comune del circondario che ha messo in atto questo provvedimento, grazie ad un bilancio solido e florido per il quale mi preme ringraziare la dottoressa Tina Russo e tutto l’ufficio economico finanziario. Un atto storico, straordinario per far fronte al momento difficile che sta vivendo il nostro paese, volto alla ripresa delle attività commerciali del nostro territorio”.

COMUNICATO STAMPA

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK