Ruba putti in chiesa per rivenderli a Roma: domani la restituzione al vescovo di Napoli

Ruba putti in chiesa per rivenderli a Roma: domani la restituzione al vescovo di Napoli

Determinante è stata la collaborazione fornita dall’Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Nola


NAPOLI – Sei sculture in marmo raffiguranti angeli e putti, attribuiti a Domenico Antonio Vaccaro (XVIII Sec.), sottratti fra il 1970 ed il 1999 dalla Chiesa di “Santa Maria del Plesco” di Casamarciano (Napoli) saranno restituiti dal maggiore Michelangelo Lobuono, comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC) di Roma, al vescovo di Nola Francesco Marino nel corso di una cerimonia in programma alle 11 domani nella Diocesi di Nola (Napoli). Le indagini che hanno consentito di rintracciare le opere sono iniziate il 13 settembre 2019: tre angeli erano stati messi illecitamente in vendita a Roma. Le immagini delle sculture sono state confrontate con quelle della Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti ed il riscontro ha dato esito positivo.

Si trattava proprio delle sculture rubate nella Chiesa di “Santa Maria del Plesco” di Casamarciano, già oggetto di vere e proprie razzie fra il 1970 ed il 1999. Le indagini coordinate dal pm di Roma Laura condemi hanno poi consentito di recuperare altri due angeli, anche questi rubati nel Napoletano, da un antiquario di Palermo e di un terzo acquistato da un privato cittadino residente in provincia di Cremona. Determinante è stata la collaborazione fornita dall’Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Nola.