Coronavirus in Campania, ricoverate al Cardarelli 7 persone sospette positive

Coronavirus in Campania, ricoverate al Cardarelli 7 persone sospette positive

“Si tratta di pazienti con sintomi o risultati positivi al test rapido”


Una ordinanza di arresti domiciliari è stata eseguita nei confronti di Ciro Verdoliva, direttore generale dell'ospedale Cardarelli di Napoli, Napoli, 8 Novembre 2017. Al manager è contestata, secondo quanto si è appreso, l'accusa di corruzione. La misura eseguita oggi dovrebbe rientrare nell'ambito di uno dei filoni dell'inchiesta sugli appalti Romeo. ANSA/ CIRO FUSCO

NAPOLI – Sette persone con sospetto di positività al Covid sono state ricoverate nella Palazzina M dell’ Ospedale Cardarelli di Napoli. Si tratta di pazienti con sintomi o risultati positivi al test rapido. A tutti sono stati effettuati i tamponi il cui esito dovrebbe arrivare in serata. I pazienti sono tutti in ricovero ordinario. Nessuno dei ricoverati rientrava da Paesi a rischio o dalla Sardegna. ”I soggetti – ha detto il direttore generale del Cardarelli, Giuseppe Longo – erano giunti per altri motivi sanitari e come prevedono le procedure sono stati subito sottoposti al pre-triage, procedura di filtro adottata per darci la sicurezza che chi entra in Pronto Soccorso non sia un Covid.

Pertanto chi arriva fa subito il test rapido e un’anamnesi clinica per valutare una possibile sintomatologia sovrapponibile al Covid.” “Qualora questi criteri ci indichino un sospetto di Covid – ha aggiunto Longo -allora si procede al ricovero nella palazzina dedicata”. La Palazzina M è dotata di 14 posti letto. Il Cardarelli, nell’ambito della rete Covid, è punto di riferimento per il 118 per pazienti positivi con infarto, ictus e grande trauma.