Festa di ferragosto si trasforma in tragedia: bimbo di 20 mesi annega in piscina

Festa di ferragosto si trasforma in tragedia: bimbo di 20 mesi annega in piscina

A nulla sono valsi tutti i tentativi di rianimare il piccolo


È sfuggito al controllo dei suoi genitori, è salito su una scaletta alta poco meno di un metro ed è finito in piscina. È questa la prima ricostruzione, ancora al vaglio degli inquirenti, sulla morte di un bambino di 20 mesi originario di Massafra, in provincia di Taranto.

I fatti risalgono al pomeriggio di Ferragosto: il bambino sarebbe riuscito ad allontanarsi per qualche istante dal controllo dei suoi genitori che,  in quel momento, stavano pranzando e partecipando ad una festa in piscina con altri amici in una villa di campagna. Il piccolo sarebbe riuscito a salire su una scaletta alta poco meno di un metro cadendo successivamente in acqua.

I genitori – padre agronomo e madre commercialista – hanno tentato di eseguire sul bimbo le prime manovre rianimatorie ed hanno immediatamente dato l’allarme ai sanitari del 118, arrivati dopo alcuni minuti. I tentativi di salvare la vita al bambino tuttavia si sono rivelati inutili, visto che è deceduto prima ancora dell’arrivo in ospedale.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Palagiano e della Compagnia di Massafra, ai quali spetterà ricostruire l’esatta dinamica della tragedia e accertare eventuali responsabilità da parte degli adulti presenti ieri alla festa di ferragosto che si è trasformata in tragedia