Romana uccisa a Giugliano, si indaga tra gli affari di famiglia

Romana uccisa a Giugliano, si indaga tra gli affari di famiglia

Tra i coniugi le liti erano sempre più frequenti ed erano di natura economica


GIUGLIANO – Comincia a farsi sempre più chiaro il movente dell’omicidio di Romana Danielova di 55 anni, avvenuto in zona Lago Patria il 12 luglio scorso. L’indiziato principale, dal ritrovamento del corpo senza vita della donna, è stato il marito, Gennaro De Falco.

L’uomo nella mattinata di ieri è stato tratto in arresto. Pare che tra i due, come riferito da alcuni testimoni agli inquirenti, nell’ultimo periodo c’erano continue liti  a causa di un centro intestato alla donna ma di fatto gestito da De Falco. Liti di natura economica, probabile causa dell’ultimo alterco sfociato nel tragico epilogo della morte della donna. L’uomo preso dalla rabbia avrebbe ucciso la moglie.

LEGGI ANCHE

 

Femminicidio a Giugliano, uccide la moglie e poi simula il suicidio della donna

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK