Gli esami sul corpo di Gioele: “Impossibile capire se sia morto vicino alla madre”

Gli esami sul corpo di Gioele: “Impossibile capire se sia morto vicino alla madre”

“C’è un milione di insetti – dice l’entomologo chiamato dalla procura – finché non li analizzeremo in laboratorio non si potrà dire molto”


MESSINA – “C’è una fauna entomologica” anche sul corpicino del piccolo Gioele. Lo ha detto il professor Stefano Vanin, l’entomologo chiamato dalla Procura di Patti per l’autopsia del piccolo Gioele. “Adesso come nel caso della madre è tutto da analizzare in laboratorio”, dice. “Capisco che ci sia questo bisogno di risposte, ma vi dico anche che c’è un milione di insetti – spiega – finché non analizzeremo questi insetti in laboratorio non si potrà dire molto”. “Oggi come oggi” non è possibile capire se il bambino sia “morto vicino alla madre Viviana”, come dice ancora Vanin. “Sono stati raccolti un sacco di elementi sia per quanto riguarda la componente medica che veterinaria ed entomologica – dice – quindi di elementi raccolti ce ne sono”. “Noi abbiamo una serie di requisiti a cui rispondere – dice – abbiamo chiesto 90 giorni e faremo l’impossibile per starci. Le comunicazioni le daremo direttamente al pm che ci ha incaricato”.

Ha ribadito che “è un caso difficilissimo, perché c’è un clima e un ambiente particolare, anche se qualche elemento informativo è stato estratto”. Sul terreno ci sono dei “segni di giacitura del corpo – dice ancora – il terreno non è compromesso ma è un ambiente su cui sono passate delle persone”.

FONTE: ADNKRONOS