Noemi, la bimba colpita a Napoli da un proiettile: “Il cattivo non viene più a spararmi?”

Noemi, la bimba colpita a Napoli da un proiettile: “Il cattivo non viene più a spararmi?”

La piccola, che porta ancora il busto, dovrà essere operata nuovamente, a breve


NAPOLI – “Mamma, ma il cattivo non viene più a spararmi?”. E’ quello che si chiede la piccola Noemi, la bambina di soli 3 anni che fu colpita da un proiettile a Napoli, a Piazza Nazionale, lo scorso anno, nel corso di un agguato di camorra fallito. A colpirla fu Armando Del Re, poi condannato a 18 anni di carcere, mentre il fratello Antonio, suo complice, è stato condannato a 14 anni.

“Lo abbiamo messo in una gabbia, non farà più del male a nessuno – Questa la risposta di mamma Tania, nel dialogo con la figlia ricostruito da lei stessa in un post su Facebook”. E ancora la piccola chiede alla madre “Ma poi ce l’ha un letto per dormire?”. Intanto la bambina, che porta ancora il busto in quanto il proiettile, oltre ad aver perforato il polmone, le ha anche incrinato una costola, dovrà essere operata nuovamente, a breve.