Provoca incidenti stradali urlando “Allah Akbar”: “E’ un atto islamista”

Provoca incidenti stradali urlando “Allah Akbar”: “E’ un atto islamista”

Sei le persone ferite di cui 3 gravi


BERLINO – Follia ad alta velocità sull’autostrada di Berlino. Un 30enne iracheno ieri sera intorno alle 18.30 si è lanciato con la propria auto su una delle arterie principali della capitale tedesca travolgendo diverse auto e moto, causando sei feriti di cui 3 in gravi condizioni. Per la procura si tratta di un atto “motivato dall’islamismo”. Una ricostruzione che coincide con quanto raccontato da diversi testimoni, citati dal quotidiano Bild, secondo cui il 30enne avrebbe urlato “Allah Akbar” uscendo dalla sua auto per poi minacciare gli agenti di polizia che lo avevano intanto circondato: “Nessuno si avvicini, altrimenti morirete tutti!”.

La pista terroristica è confermata anche da alcuni post su Facebook del 30enne che sul suo profilo aveva pubblicato alcune formule religiose e la foto dell’auto con cui ha agito. Il terrorista avrebbe inoltre lasciato alcuni indizi che avrebbero potuto rivelare in anticipo le su intenzioni. L’uomo è stato arrestato dalla polizia che è arrivata in gran numero sul posto. Le forze dell’ordine hanno interrotto il traffico sull’autostrada per diverse ore, provocando ingenti ingorghi, per controllare il contenuto di alcune scatole sospette lasciate dall’uomo nel suo veicolo. Una delle scatole è stata aperta a distanza per precauzione, ma non è stato trovato nulla di sospetto. La minaccia terroristica di matrice islamica è alta in Germania dall’attentato del dicembre 2016 al mercato di Berlino, quando un camion lanciato sulla folla provocò la morte di 12 persone. Da quella data, le autorità tedesche hanno sventato una dozzina di tentativi di attacchi di questo tipo, di cui due nel novembre 2019, secondo la polizia.