Salvini a Napoli e Baia Domizia: “Campo rom di Giugliano indegno di un paese civile”

Salvini a Napoli e Baia Domizia: “Campo rom di Giugliano indegno di un paese civile”

Le accuse a De Luca sulla sanità campana: “Negli ultimi anni sono stati oltre 50 mila i campani che hanno dovuto farsi curare fuori regione”. Le sue parole anche su Terra dei Fuochi e carceri


NAPOLI/BAIA DOMIZIA – Matteo Salvini incontra a lungo gli agenti della Polizia penitenziaria ed il direttore del carcere di Secondigliano, a Napoli e chiede 200 uomini in più per la struttura ed il carcere di Poggioreale. Per il leader della Lega è cominciato un tour elettorale di tre giorni in Campania.

Incontrerà anche il candidato del centrodestra alle regionali, Stefano Caldoro, sul quale in passato aveva espresso qualche perplessità. “I sondaggi ci danno indietro in Campania? – ha detto ai giornalisti – per me l’ unico sondaggio che conta è quello delle urne. Per De Luca, nuovo attacco sulla sanità campana. “Negli ultimi anni sono stati oltre 50 mila i campani che hanno dovuto farsi curare fuori regione”.. Il leader della Lega ha promesso impegno anche per lo smantellamento del campo rom di Giugliano, che ha definito “indegno di un Paese civile per chi ci vive e per chi ci vive vicino”. In Campania – ha annunciato Salvini -tornerò altre due volte prima della conclusione della campagna elettorale”.

“Uno dei nostri obiettivi – ha aggiunto il leader della Lega nella tappa di Baia Domizia – è quello di stabilizzare gli insegnanti precari”. Poi sul tema dei rifiuti ha aggiunto: “De Luca e De Magistris non hanno fatto nulla per togliere le ecoballe e per contrastare il fenomeno dei roghi tossici”. Infine, sui migranti ha aggiunto: “L’Italia e la Campania hanno bisogno di turisti che pagano, non di clandestini che sbarcano”.

L’intervento del candidato del centrodestra di Giugliano, Giuseppe Pietro Maisto:

“Ha ragione Salvini quando dice che il campo Rom è indegno di un paese civile e ben fa a chiedere più uomini per controllare le strade di Napoli. Le chiediamo anche per Giugliano contro i continui roghi tossici. E queste questioni di salute e sicurezza saranno al centro delle nostre prime attività di governo”, interviene così il candidato sindaco del centrodestra di Giugliano Giuseppe Pietro Maisto, che coglie l’occasione della visita napoletana del leader del carroccio per rilanciare i temi della propria città.