Covid Campania, nessun lockdown ma nuove restrizioni: oggi riunione in Regione

Covid Campania, nessun lockdown ma nuove restrizioni: oggi riunione in Regione

“Ci sarà una stretta sugli stili di vita, quelli che preoccupano di più, su quella che si chiama movida ma anche altro”, questo è quanto trapelato dagli uffici a via Santa Lucia


CAMPANIA – Visto il boom di contagi delle ultime settimane De Luca ha cominciato a giocare d’anticipo: mascherine obbligatorie per tutto il giorno, check in aeroporto e oggi o domani chissà, si annunciano altre novità che poi significa ulteriori (necessarie) restrizioni.

“Ci sarà una stretta sugli stili di vita, quelli che preoccupano di più, su quella che si chiama movida ma anche altro”. Questo quanto trapelato dal suo fortino a via Santa Lucia. I primi a pagare, come riportato da Il Mattino,  potrebbero essere – il condizionale è d’obbligo perché ogni decisione verrà orientata dal numero dei contagi – quelli del popolo della notte che diventerebbe più corta. Mentre bar, ristoranti e via dicendo hanno già un loro protocollo e non si può intervenire. “Nessun lockdown in Campania” fanno sapere ancora dalla Regione, ma un giro di vite ci sarà. Anche perché a decretare la chiusura può essere solo il Governo, magari ascoltate la Regioni, stante anche l’ipotesi di allungamento dello stato d’emergenza fino al 31 dicembre.
QUESTO POMERIGGIO LA RIUNIONE

Stamane i tecnici della Regione si riuniranno per esaminare dati, trend, numero di tamponi, le aree più colpite e molto altro. Poi andranno da De Luca al quale toccherà prendere la decisione politicamente più conveniente per tutti ben sapendo che “la salute è il bene primario da difendere e sono pronto a chiudere tutto”. C’è tanta rabbia tra chi ha combattuto in maniera leonina per tanti mesi contro il subdolo virus arrivato dalla Cina. Perché durante la prima ondata la Campania è stata tra le regioni che meglio hanno tenuto a bada la pandemia. I dati preoccupanti degli ultimi giorni, con i 295 nuovi contagi di ieri, non hanno demoralizzato nessuno però qualche certezza l’hanno tolta nonostante almeno a oggi si muoia meno rispetto all’inizio. Una situazione da monitorare – sottolinea Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Speranza – che individua proprio nella Campania, con Lazio e Sardegna, i territori maggiormente colpiti a rischio di un nuovo lockdown.