Giallo alla Casa Bianca: molti positivi nello staff di Trump, ma l’agente capo si rifiuta di dare spiegazioni

Giallo alla Casa Bianca: molti positivi nello staff di Trump, ma l’agente capo si rifiuta di dare spiegazioni

Il manifestarsi del virus sarebbe ricondotto alla ripresa dei comizi pubblici da parte del presidente


DAL MONDO – Le ultime notizie relative al Coronavirus riguardano la sede presidenziale più famosa al mondo: la Casa Bianca. Quest’ultima, infatti, è diventata il centro di un piccolo focolaio riguardante molti membri dello staff del presidente Donald Trump, che sarebbero risultati positivi al test. L’annuncio è stato dato all’interno della sala stampa, dove erano presenti i giornalisti accreditati. La cosa più curiosa della vicenda sta però nel fatto che a quanto pare il capo dello staff, Mark Meadows, si sarebbe rifiutato di dare ulteriori spiegazioni.

Il fatto che il virus si sia manifestato in vari membri è riconducibile con tutta probabilità alla ripresa dei comizi pubblici che Trump avrebbe tenuto a partire dalla scorsa settimana. Secondo le ricostruzioni il presidente avrebbe tenuto queste riunioni al cospetto di un migliaio abbondante, forse 2mila, spettatori, molti dei quali sarebbero stati fotografati anche senza mascherina.