Casoria, palestra aperta nonostante le restrizioni: blitz dei carabinieri

Casoria, palestra aperta nonostante le restrizioni: blitz dei carabinieri

La saracinesca era abbassata ma in realtà l’attività era pienamente operativa


CASORIA – I Carabinieri della Compagnia di Casoria continuano più che mai nei servizi di controllo del territorio finalizzati a verificare il rispetto delle recenti normative anti-Covid volte al contenimento della pandemia.

Sanzioni per il mancato utilizzo dei dispositivi di protezione (mascherine) e per spostamenti interprovinciali ingiustificati. Alcuni ragazzi, infatti, sono stati fermati dai Carabinieri della sezione radiomobile: provenivano dalla provincia di Caserta ed erano a Casoria senza alcuna legittima motivazione prevista dalle recenti normative.

L’attenzione è stata poi rivolta anche al controllo degli esercizi commerciali e palestre; a Casoria, i militari della locale stazione hanno sanzionato il titolare di un Bar che continuava a lavorare oltre l’orario consentito. Per il Bar anche la chiusura temporanea di 5 giorni.

Ad Arpino di Casoria, i militari della Sezione Radiomobile hanno scoperto una palestra che sembrava apparentemente chiusa (la saracinesca era abbassata), ma in realtà l’attività era pienamente operativa. I Carabinieri hanno sentito dei rumori provenire dall’ esercizio ed hanno controllato. All’ interno della palestra erano presenti il titolare e alcuni avventori in tenuta ginnica. Al gestore è stata elevata la sanzione amministrativa e l’immediata chiusura del locale.