Coronavirus, infermiera guarita ma chiusa in casa per burocrazia

Coronavirus, infermiera guarita ma chiusa in casa per burocrazia

Oltre a lei si sono ammalati anche il consorte e due dei figli, uno dei quali di soli 4 anni, ora tutti guariti


NAPOLI – Un’infermiera dell’ospedale Cardarelli di Napoli vorrebbe tornare a lavoro dopo quasi 40 giorni di quarantena, ma la burocrazia la costringe a casa fino a quando non avrà il dispositivo dell’Asl che certifichi l’avvenuta negativizzazione dei tamponi al Covid-19.

Questo è quanto denuncia la donna, di 42 anni, che ha scoperto di essere positiva al Covid lo scorso 9 settembre e da allora è chiusa in casa, in provincia di Napoli, insieme al marito ed ai quattro figli minorenni. Oltre a lei si sono ammalati anche il consorte e due dei figli, uno dei quali di soli 4 anni, ora tutti guariti. Ma la chiave della libertà deve ancora arrivare con la certificazione dell’azienda sanitaria che annullerà la quarantena e l’isolamento di tutta la famiglia.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK