Coronavirus nel napoletano, il sindaco chiude 10 scuole: decisa la didattica a distanza

Coronavirus nel napoletano, il sindaco chiude 10 scuole: decisa la didattica a distanza

Il primo cittadino ha anche richiesto un maggiore numero di uomini delle Forze dell’Ordine per rafforzare i controlli


SOMMA VESUVIANA – Coronavirus nel napoletano, il sindaco chiude 10 scuole: decisa la didattica a distanza.

Salgono i casi di Coronavirus nel comune napoletano di Somma Vesuviana, dove si teme per un nuovo focolaio. Per tale motivo, il primo cittadino Salvatore Di Sarno ha deciso di disporre, in via precauzionale, la chiusura di ben 10 istituti scolastici per evitare un’ulteriore diffusione del virus.

Nonostante, però, le scuole resteranno chiuse le lezioni continueranno nella modalità DaD, didattica a distanza. Gli istituti in questione sono la scuola Media San Giovanni Bosco Summa Villa con i rispettivi plessi in via Aldo Moro, via S.G De Matha, via S.Maria del Pozzo e quello in via Bosco. Chiuso anche il plesso Capoluogo del Circolo Didattico “Raffaele Arfe” e i plessi Gino Aurimma, Mercato Vecchio, San Giovanni De Matha e il De Lieto.

Inoltre, sempre della serata di ieri, il sindaco Di Sarno ha comunicato di aver richiesto l’aiuto di un numero maggiore di forze dell’ordine per cercare di intensificare i controlli sul territorio proprio in merito al rispetto delle misure anti-Covid. Di seguito le sue parole:

“In questi minuti ho scritto al Prefetto di Napoli chiedendo un potenziamento delle Forze dell’Ordine sul territorio al fine di rafforzare i controlli. Chiedo a tutti i cittadini un grande senso di responsabilità. Abbiamo avuto un impennata di casi, con questi atteggiamenti si rischia non solo di mettere in pericolo la salute delle persone ma anche l’economia già duramente provata. Indossiamo la mascherina, siamo responsabili!”.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK