Covid Napoli, il responsabile del 118: “Il paziente deceduto ieri era stabile”

Covid Napoli, il responsabile del 118: “Il paziente deceduto ieri era stabile”

“Abbiamo impiegato un’ora circa per trovargli il posto per alcune difficoltà che ci sono attualmente sui posti in degenza”, ha spiegato Giuseppe Galano


NAPOLI – “Il paziente deceduto ieri al Cotugno era in codice giallo con 95% di saturazione ed è stato stabile per tutto il tempo in ambulanza. Abbiamo impiegato un’ora circa per trovargli il posto per alcune difficoltà che ci sono attualmente sui posti in degenza. Quando lo abbiamo consegnato era stabile poi ha avuto un peggioramento che accade con il covid su persone di una certa età”. Così Giuseppe Galano, responsabile regionale del 118 spiega l’iter dell’uomo deceduto ieri sera all’ospedale Cotugno di Napoli. Sulla vicenda la famiglia ha denunciato gravi ritardi.
Il paziente “è stato trattato con tutti gli standard da 11 – spiega Galano – come emerge dalle relazioni che ho ricevuto. Non è mai stato un codice rosso e aveva un test covid fatto privatamente quindi era ancora in dubbio se fosse positivi o meno, per questo la prima destinazione è stata l’ospedale Pellegrini, e non un covid center, perché lì si poteva coprire sia il sospetto covid che il confermato. Poi il Pellegrini ha ricevuto altre ambulanze e i posti di degenza si erano saturati.
A quel punto abbiamo impiegato circa un’ora per trovare un altro posto, con ammalato sempre nella stessa ambulanza e in condizioni stabili. Alla consegna al Cotugno i medici ha fatto una relazione da codice giallo, con parametri stabili e una saturazione di circa 95%, infatti gli veniva somministrato poco ossigeno con i naselli. Purtroppo il covid può virare da un momento all’altro, specialmente in persone di una certa età”.