Covid, scuole chiuse ma continuano feste e assembramenti per comunioni e cresime: “Inaccettabile”

Covid, scuole chiuse ma continuano feste e assembramenti per comunioni e cresime: “Inaccettabile”

“Situazione pericolosissima che rischia di creare decine di focolai”


BENEVENTANO – Nonostante i dati dei nuovi positivi in Campania facciano tutt’altro che ben sperare, continuano nonostante i divieti feste e baldorie relativi a cresime e comunioni. Da giorni, in particolare, continuano ad arrivarci segnalazioni in cui diversi cittadini ci hanno inviato video pubblicati pure sui social da questi individui che se ne infischiano delle regole e mettono a rischio la salute di tutti noi.

“Violano tutte le nuove disposizioni, assembrandosi senza mascherina chiamando cantanti neomelodici per spettacoli che poi denunciano pubblicamente di non rispettare le quarantene e quindi diffondere il virus. Nel Beneventano erano in 50 a festeggiare la comunione di una bambina, ma all’arrivo delle forze dell’ordine c’è stato un fuggi fuggi generale. Non solo violano le leggi, ma sono anche vigliacchi e scappano. La fuga è ancora più pericolosa poiché, in caso di focolaio scaturito da quella cerimonia, sarebbe difficilissimo rintracciare i partecipanti per bloccare il contagio. E’ incredibile come certa gente sia strafottente e restia alle leggi, pur di festeggiare una comunione mettono a rischio la loro stessa salute e quella degli altri. Siamo all’assurdo, ma non possiamo consentire che per l’irresponsabilità di qualche cialtrone a pagare le spese siano pure le persone perbene. Serve una stretta forte, occorrono controlli maggiori”, ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde.