De Magistris contro De Luca: “Ha chiuso fino al 30 ottobre ma non riaprirà, si arriverà a Natale”

De Magistris contro De Luca: “Ha chiuso fino al 30 ottobre ma non riaprirà, si arriverà a Natale”

“Io la vedo come una bandiera bianca, un po’ come una confessione dell’incapacità di rafforzare la rete sanitaria pubblica territoriale”, ha dichiarato il primo cittadino di Napoli


NAPOLI –“Il tema non è il trasporto o la scuola, ma è la sanità pubblica. Però ce la si prende con la scuola: De Luca ha chiuso fino al 30 ottobre ma non riaprirà, si arriverà a Natale. Che dubbio c’è, con questi numeri e con l’incapacità di tenerli sotto controllo”. La pensa così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, intervenuto a Radio 24, fortemente critico sull’ordinanza firmata ieri dal governatore campano Vincenzo De Luca che sospende fino al 30 ottobre la didattica in presenza per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie. Secondo de Magistris “siamo all’inizio di un’escalation che porterà al lockdown, magari non quello di massa come il primo ma a quello stiamo arrivando”.

Io la vedo come una bandiera bianca, un po’ come una confessione dell’incapacità di rafforzare la rete sanitaria pubblica territoriale”, ha aggiunto il sindaco di Napoli, per il quale il governatore campano “dovrebbe invece commentare cosa non è stato fatto in questi mesi per evitare un provvedimento come questo, in poche ore, senza consultare nessuno, mettendo in ginocchio una comunità scolastica, una città. Soprattutto bisognerebbe spiegare perché non si è messa in campo una serie di provvedimenti che avrebbero potuto evitare tranquillamente una decisione come questa”.

De Magistris ha sottolineato che in Campania “non abbiamo più una rete territoriale in grado di monitorare i positivi e i contatti diretti. La situazione è fuori controllo, l’assistenza domiciliare è inesistente, chiunque comincia ad avere dei sintomi anche non particolarmente gravi va a pressare sugli ospedali. Abbiamo speso tantissimo come Regione Campania e facciamo il minor numero di tamponi. Le reti di territorio non riescono a monitorare la situazione e quindi c’è un’autogestione della pandemia. Abbiamo 110 posti di terapia intensiva per il Covid su 6 milioni e mezzo di abitanti. E’ chiaro che è una bandiera bianca, una sorta di confessione. Tutto quello che in questi mesi si doveva fare ed era prevedibile non è stato fatto”.

Inoltre, ha aggiunto, “siamo completamente fuori da qualsiasi concertazione. Il presidente non consulta il sindaco, non consulta il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, non consulta i dirigenti scolastici, non consulta gli operatori economici”. “Ancora più grave – ha aggiunto de Magistris – noi non facciamo parte dell’Unità di crisi regionale. Io rappresento 3 milioni e mezzo di abitanti, il 53% della popolazione campana, e siamo fuori dall’Unità di crisi. E’ una cosa che, quando la racconto a dei miei colleghi di altre parti, non sembra vera. Non abbiamo nemmeno i dati aggiornati, non abbiamo i dati puntuali, dettagliati, Municipalità per Municipalità, focolaio per focolaio, cluster per cluster. noi dobbiamo collaborare tutti insieme. come ha detto giustamente il ministro, per difendere l’articolo 32 della Costituzione. La Repubblica dev’essere unita, ma se non si collabora come possiamo arginare una situazione come questa?”.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK