Guardia giurata uccisa a Piscinola, pena ridotta per i baby killer

Guardia giurata uccisa a Piscinola, pena ridotta per i baby killer

Per i tre giovanissimi che uccisero a sprangate la guardia giurata non è stata riconosciuta l’aggravante della crudeltà


NAPOLI –  Ancora una sconto di pena per i tre ragazzini che uccisero la guardia giurata Francesco Della Corte, il 3 marzo del 2018 alla metropolitana di Piscinola. Per i tre giovanissimi che uccisero a sprangate la guardia giurata non è stata riconosciuta l’aggravante della crudeltà.

La Corte d’appello, chiamata a giudicare dopo la sentenza di rinvio della Cassazione emessa il luglio scorso, ha inflitto ai tre imputati, tutti minorenni all’epoca dei fatti, la condanna a 14 anni e mezzo di reclusione, due anni in meno di quanto era stato deciso nei primi due processi di merito.

L’uomo fu aggredito il 3 marzo 2018 mentre era al lavoro alla stazione della metropolitana di Piscinola. I banditi volevano rapinargli la pistola d’ordinanza.