La scuola ai tempi del Coronavirus: a Napoli arriva la “Didattica Dai Balconi”

La scuola ai tempi del Coronavirus: a Napoli arriva la “Didattica Dai Balconi”

L’ insegnante Tonino si è recato sotto casa dei suoi piccoli alunni a cui ha letto Gianni Rodari


NAPOLI – La scuola ai tempi del Coronavirus: a Napoli arriva la “Didattica Dai Balconi”.

In Campania le scuole sono state nuovamente chiuse e molti bambini, come nel periodo del lockdown, hanno dovuto affrontare per la seconda vola la DaD, la didattica a distanza. Non è facile fare lezione davanti a tablet, cellulari e computer e per tale motivo il maestro Tonino Stornaiuolo ha cercato di andare incontro ai piccoli studenti della sua classe con la DaB, didattica dai balconi.

Il giovane insegnante della scuola internazionale bilingue, “Dalla parte dei bambini”, nella mattinata di ieri si è recato nei vicoli dei Quartieri Spagnoli sotto casa dei suoi piccoli allievi a cui ha letto e spiegato Gianni Rodari.

Oltre ai bambini, si sono affacciati anche i genitori e i vicini, trasformando la lezione in un momento di gioia collettiva in un momento molto delicato per il nostro Paese.

“La situazione attuale è delicata e seria, ma noi dobbiamo mostrare ai bambini che le difficoltà, insieme, possono essere superate”, così ha scritto commosso Tonino sulla sua pagina Fb.

“Vengo ora stanco ma super carico dalla giornata di Dab (didattica ai balconi) – dice – la bellezza di vedere i bambini felici, di narrare con e per loro…nelle strade, nei vicoli dai balconi… L’emozione e la gratitudine dei genitori era incontrollabile, ma sono io che ringrazio loro”.

“Abbiamo letto Rodari con la gente che si affacciava dai palazzi e dai bassi- ha spiegato – Eravamo distanziati, mascherati, pochi e nella più totale sicurezza. Non ho tante altre parole perché ancora frastornato dalle emozioni e dagli occhi dietro le mascherine”.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK