Pozzuoli, maxi rissa tra giovani finisce nel sangue: il sindaco chiude la piazza

Pozzuoli, maxi rissa tra giovani finisce nel sangue: il sindaco chiude la piazza

“Trovo veramente inaudito che in un periodo come quello che stiamo vivendo ci siano bande di balordi che trovino il modo per​ fare sfoggio della loro violenza”


POZZUOLI – Pozzuoli, maxi rissa tra giovani finisce nel sangue: il sindaco chiude la piazza.

La decisione è stata presa dal sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, in seguito alla violenta maxi rissa che ha avuto luogo nella notte tra sabato e domenica in Piazza a Mare. Di seguito il post del primo cittadino:

“Purtroppo dobbiamo registrare ancora un episodio di assurda violenza tra ragazzi, avuto luogo nella tarda serata di sabato​ a piazza a Mare, in una zona affollata​ da​ tanti cittadini che passeggiavano tranquillamente per godersi alcune ore di svago”, ha scritto.

“Dopo questo grave episodio da domani disporrò la chiusura di piazza a Mare – ha annunciato – anticipando il provvedimento che avevo già intenzione di adottare tra le misure per contrastare la diffusione del covid. Trovo veramente inaudito che in un periodo come quello che stiamo vivendo per l’emergenza sanitaria ci siano bande di balordi, tra cui minorenni, che trovino il modo per​ fare sfoggio della loro violenza determinando apprensione e paura nella nostra comunità”.

“Questa volta però ci sono già delle persone identificate -ha continuato –  grazie al lavoro dei nostri agenti di polizia municipale e dei carabinieri e alla collaborazione di alcuni cittadini. La rissa è stata immortalata dalle nostre telecamere di videosorveglianza e ci sono ancora indagini in corso, ma mi auguro che per i responsabili ci siano punizioni esemplari. Non permetteremo che un gruppo di delinquenti e balordi possano macchiare il volto della nostra città”.

Lo scontro ha visto coinvolte due bande di ragazzi, tutti di età compresa tra i 16 e i 22. Il tutto sarebbe cominciato nella zona portuale, quando i due gruppi “rivali” si sono incrociati. Per motivi non chiari, i giovani hanno iniziato una maxi rissa che è degenerata in episodi di inaudita violenza con l’utilizzo di mazze da baseball e coltelli.

Dall’aggressione, infatti, tre dei quasi 50 ragazzi che si sono scontrati, hanno riportato delle ferite che hanno reso necessario il trasferimento in ospedale. Fortunatamente le lesioni non erano gravi e quindi, nella notte sono stati dimessi e denunciati a piede libero. Come annunciato da Vincenzo Figliolia, anche gli altri giovani sono stati identificati e per loro sono già pronti dei provvedimenti.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK