A Napoli arriva il “Tampone Sospeso” per chi non ha la possibilità di pagarselo

A Napoli arriva il “Tampone Sospeso” per chi non ha la possibilità di pagarselo

L’iniziativa è dedicata ad anziani, poveri e senza fissa dimora


NAPOLI – Dopo il caffè sospeso ed il “Panaro solidale”, a Napoli, città d’eccellenza per gesti di solidarietà, arriva il “Tampone Solidale” che partirà da lunedì prossimo al Rione Sanità. L’idea è nata dalla Fondazione San Gennaro e dall’Associazione Sanità Diritti in Salute, nel tentativo di consentire anche alle famiglie meno abbienti la possibilità di sottoporsi al test per accertarsi dell’eventuale positività al Covid-19.

A renderlo noto è Matilde Andolfo, giornalista professionista. Presso la Chiesa di San Severo sarà possibile effettuare i tamponi a prezzi contenuti. Per anziani, poveri e senza fissa dimora entra in gioco il cosiddetto “tampone sospeso”, somministrato in forma del tutto gratuita.

Un modo per sopperire ai lunghi tempi di attesa delle Asl e ai prezzi, spesso esorbitanti, praticati dai laboratori privati. Sono migliaia, infatti, i cittadini impossibilitati ad attendere tempi secolari (soprattutto per motivi di lavoro) e ancor di più quelli che non possono sottoporsi allo screening a pagamento. Ciò soprattutto se si tiene conto del fatto che interi nuclei familiari necessitano del test per cui la spesa diventa più che raddoppiata. Il “tampone sospeso”, nel cuore del Rione Sanità, potrà contribuire in parte a risolvere tali criticità.