Acquista una consolle online ma è una truffa: denunciato 29enne di Sant’Antimo

Acquista una consolle online ma è una truffa: denunciato 29enne di Sant’Antimo

L’acquirente reggiano non ha ricevuto nulla pur avendo pagato quanto richiesto


NAPOLI – L’acquirente reggiano non riceve nulla sebbene abbia provveduto a pagare quanto richiesto dal venditore, un napoletano denunciato dai carabinieri di Correggio. Non solo il prezzo era vantaggioso ma quando è stato contattato da un 21enne reggiano dichiaratosi interessato alla consolle Nintendo, per chiudere l’affare e senza alcuna richiesta, gli ha riferito che al posto dei 150 euro richiesti nell’inserzione gli avrebbe praticato uno sconto di 20 euro.

Per tergiversare sul ritardo nella spedizione e tranquillizzare l’acquirente, che aveva provveduto a versare i 130 euro richiesti sulla sua postepay, gli ha riferito che il fratello non era d’accordo allo sconto di 20 euro e, sebbene il 21enne reggiano abbia provveduto all’integrazione della somma richiesta, non riceveva niente trovandosi nella condizione di non poter fare alcunché avendolo l’acquirente bloccato sull’applicativo WhatsApp.

Materializzato con certezza di essere rimasto vittima di una truffa e non riuscendo più a contattare il venditore, il 21enne reggiano si è presentato ai carabinieri della stazione di Correggio formalizzando la denuncia. Dopo una serie di riscontri tra il numero di telefono associato all’inserzione e la carta prepagata dove erano confluiti i soldi, i carabinieri catalizzavano le attenzioni investigative all’indirizzo di un 29enne di origini napoletane e residente a Sant’Antimo, in provincia di Napoli, cui confronti venivano acquisiti una serie di incontrovertibili elementi di responsabilità in ordine al reato di truffa per la cui ipotesi veniva quindi denunciato.