Adescava ragazzini su Fortnite e si faceva inviare foto e video pedopornografici

Adescava ragazzini su Fortnite e si faceva inviare foto e video pedopornografici

Il presunto pedofilo di soli 17 anni prima li avvicinava tramite il gioco e dopo spostava la conversazione su Tik-Tok, Instagram e Whatsapp


TORINO – Un diciassettenne ha adescato dei bambini via internet e li ha convinti a produrre immagini a contenuto pedopornografico. E’ quanto ha scoperto la polizia nel Torinese. L’indagine, cominciata lo scorso luglio, è stata svolta dagli investigatori del commissariato di Rivoli (Torino) in collaborazione con i colleghi delle polizie postali del Piemonte e del Veneto.

A partire dalla scorsa primavera, durante il primo lockdown, il giovane ha utilizzato la piattaforma dei popolare videogioco Fortnite per contattare i bambini, per poi spostare la comunicazione su Tik-Tok, Instagram e Whatsapp. E’ stata la mamma di uno dei bambini (che hanno poco più di dieci anni) a presentare la denuncia che ha dato il via agli accertamenti.

FONTE ANSA