Assurdo nella giornata contro la violenza sulle donne: altri due femminicidi

Assurdo nella giornata contro la violenza sulle donne: altri due femminicidi

Due donne uccise dalla follia dei propri uomini: una delle due aveva denunciato e poi ritrattato


ITALIA – Oggi, 25 novembre, ricorre la giornata contro la violenza sulle donne. Tuttavia, nonostante da tempo si cerchi di sensibilizzare in merito a una tematica fin troppo attuale e ricorrente, continuano ad essere innumerevoli i casi di femminicidio, violenza domestica, maltrattamenti fisici e psicologici. Nei primi mesi del 2020, c’è stato un aumento del 7,3 per cento dei femminicidi. E stamattina ci sono altre due donne vittime, proveniente dal Nord al Sud Italia. Stanotte un femminicidio si è verificato a Padova e l’altro in provincia di Catanzaro. A Cadoneghe, nel padovano, Jennati Abdelfettah, 39 anni, magazziniere, ha ucciso sua moglie Abiou Aycha Nata, anch’ella marocchina, dopo averla ferita al petto con un coltello da cucina. La motivazione del folle gesto è stata la gelosia: l’assassino ha avvertito la polizia. La donna avrebbe denunciato il marito, per poi ritrattare.

A Stalettì, provincia di Catanzaro, un cadavere è stato trovato tra gli scogli. Si tratta di una donna di 51 anni che aveva una relazione extraconiugale con un giovane trentaseienne di Badolato. La donna era scomparsa da 24 ore. I carabinieri hanno fermato un uomo che sarebbe l’amante della donna.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK