Blitz dei militari nei cantieri edili, scoperti operai a nero. Controlli anche a Giugliano

Blitz dei militari nei cantieri edili, scoperti operai a nero. Controlli anche a Giugliano

In totale sono 9 gli imprenditori finiti nei guai


NAPOLI –  Serrati i controlli dei Carabinieri del Gruppo Tutela del lavoro che, insieme a quelli del Comando Provinciale di Napoli, sono stati impegnati nel contrasto al lavoro sommerso e nella verifica della corretta applicazione delle leggi sulla sicurezza nei cantieri edili. Nove gli imprenditori denunciati nell’ultima settimana, tutti della provincia partenopea e titolari di imprese edili affidatarie di lavori di ristrutturazione e costruzione.

Imprese di Casoria, Pomigliano D’Arco, Casalnuovo di Napoli, Giugliano in Campania, Quarto, Monte di Procida e Striano: tutte risultate irregolari. Dei 23 lavoratori complessivamente identificati, 9 non rispettavano la normativa antinfortunistica, 4 erano “in nero” e 1 di questi percettore indebito del reddito di cittadinanza. Le sanzioni applicate hanno superato i 75mila euro. 2 i provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale per altrettante ditte. Non sono mancate le sanzioni per violazioni alla normativa anti-contagio:  3 lavoratori non indossavano i dpi.