Campania, oggi è il giorno della verità: spunta l’ipotesi Napoli e Caserta zone rosse

Campania, oggi è il giorno della verità: spunta l’ipotesi Napoli e Caserta zone rosse

Gli scenari alternativi al giallo possibili sono due: il primo prevede il passaggio in area arancione oppure la permanenza in area gialla, ma associata al rosso


CAMPANIA – Arrivato il giorno della verità sulle sorti della Campania, che da zona gialla potrebbe passare ad essere, attraverso un’ordinanza del ministro della Salute Speranza, zona arancione. O addirittura rossa, secondo alcuni. Durante la giornata di ieri i dati epidemiologici aggiornati sono stati certificati dal Comitato tecnico scientifico che affianca il ministero della Salute, e sotto esame saranno adesso posti soprattutto i numeri esponenziali raggiunti nella Regione governata da Vincenzo De Luca, soprattutto durante tutto il mese di ottobre.

Proprio ieri lo stesso De Luca aveva pubblicamente richiesto un colloquio urgente con Speranza, proprio per parlare della possibilità di far passare il territorio campano in zona rossa, o quantomeno arancione. Non è un mistero, infatti, che il governatore avrebbe voluto misure molto più stringenti su tutto il territorio nazionale. Gli scenari alternativi al giallo possibili sono due: il primo prevede il passaggio in area arancione oppure la permanenza in area gialla, ma associata al rosso, limitato però alle province di Napoli e Caserta.

L’indice Rt campano, come riportato dalla Stampa, è arrivato a 1,64, ossia sopra la soglia dell’1,5 che era il limite affinché non si sfociasse nello scenario 4, il più grave. Il sospetto, tuttavia, è che i dati fino ad adesso fornito dalla Regione non siano del tutto veritieri. Al momento, secondo i dati presentati dalle singole Regioni, la Campania ha una moderata diffusione del virus, mentre la valutazione di impatto è considerata bassa, a dispetto degli allarmi continui dei medici, che invocano il lockdown.