Coronavirus, un’altra giovane vita spezzata: Samuel muore a 29 anni

Coronavirus, un’altra giovane vita spezzata: Samuel muore a 29 anni

pare che il 29enne non avesse alcuna patologia pregressa


CATANIA – Il Covid continua a mietere vittima, Samuel 29 anni non ce l’ha fatta a sconfiggerlo.  Samuel Garozzo, 29 anni, dopo essere risultato positivo al Coronavirus, era stato ricoverato prima al Garibaldi e poi in seguito a un peggioramento delle sue condizioni di salute era stato trasferito al Policlinico di Catania. Ma le condizioni di Samuel sono peggiorate giorno dopo giorno, fino alla prematura scomparsa. Una scomparsa che ha sconvolto la città siciliana, dove la sua famiglia è conosciuta soprattutto negli ambienti del Tribunale dato che il papà del giovane è uno stimato cancelliere. Secondo alcune indiscrezioni diffuse dai quotidiani locali, pare che Samuel non avesse alcuna patologia pregressa.

Samuel era uno studente dell’Università di Catania ed era iscritto al corso di laurea magistrale in Electrical Engineering. L’Ateneo catanese ha pubblicato un messaggio sulla sua pagina Facebook per ricordare il giovane scomparso: “L’Ateneo, in tutte le sue componenti, è profondamente scosso e addolorato per questa vita prematuramente spezzata, vinta da questa terribile malattia che ormai da mesi assedia l’umanità, sconvolgendo le esistenze di ciascuno di noi, mortificando tante speranze come quella del nostro studente. Al tempo stesso, la nostra comunità conferma la propria fiducia nella ricerca, che certamente permetterà di individuare gli efficaci rimedi contro il virus, e nell’impegno quotidiano e encomiabile di migliaia di medici, infermieri e operatori sanitari sul fronte dell’assistenza ai pazienti, affinché anche il sacrificio di Samuel non resti vano”.