Covid, Locatelli sul Capodanno: “Impossibili veglioni in strade e piazze”

Covid, Locatelli sul Capodanno: “Impossibili veglioni in strade e piazze”

“Inimmaginabile e incompatibile con la situazione epidemica attuale”


ITALIA – Che quest’anno le festività natalizie saranno festeggiate in modo diverso dal solito è ormai cosa nota a tutti, dato che per via dell’emergenza Covid i contatti umani sono stati limitati al massimo, così come qualsiasi tipo di evento di massa. Tuttavia le ricorrenze, anche se ognuno di noi conosce ormai bene come gestirsi e quali misure di prevenzione adottare, riescono comunque a spaventare le autorità, per la possibilità che ci sia qualche screanzato che decida di disinteressarsi delle regole.

E così si è espresso in merito al prossimo Capodanno il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli: “Quello del 2020 sarà un Natale diverso dal solito, il primo e auspicabilmente l’ultimo grazie a quanto potranno offrirci i vaccini. Quello che eravamo abituati a vedere per celebrare la fine dell’anno non potrà aver corso quest’anno: è inimmaginabile e incompatibile con la situazione epidemica attuale pensare di avere assembramenti nelle strade e nelle piazze per festeggiare l’inizio dell’anno”.

“La stessa celebrazione religiosa del Natale dovrà essere resa compatibile con le misure concordate. Va segnalata in maniera chiara questa diversità del Natale, lasciando al governo la sensibilità che certamente loro non manca per trovare la situazione ideale per riuscire a contemperare il rigore all’attenzione agli affetti più cari per rendere il più possibile questo Natale un momento che faccia vedere un inizio di una ripresa verso una normalità”.