Covid, Walter Ricciardi ribadisce: “Napoli andava chiusa”

Covid, Walter Ricciardi ribadisce: “Napoli andava chiusa”

“A Milano e Napoli il lockdown è necessario”, ha dichiarato Ricciardi


NAPOLI – “Napoli è in zona gialla, ma andava chiusa totalmente”, questo è quanto ha dichiarato Walter Ricciardi, medico, consulente del ministero della Salute ed ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità.

L’affermazione segue la classificazione in fasce di progressiva criticità sul fronte covid (gialla, arancione, rossa) da parte del ministero della Salute nell’ambito del nuovo Dpcm che blocca altre attività e spostamenti per cercare di arginare il contagio. “Sicuramente l’area metropolitana di Napoli – dice ai microfoni di ‘Un giorno da pecora’ su Rai Radio 1 – è già un’area a rischio, anzi i dati sono addirittura peggiorati. La Campania è in zona gialla perché è stata fatta una media sui dati regionali, occorre vedere se sono tutti quanti confermati”.

Ricciardi la settimana scorsa aveva dichiarato: “A Milano e Napoli uno può prendere il Covid entrando al bar, al ristorante, prendendo l’autobus. Stare a contatto stretto con un positivo è facilissimo perché il virus circola tantissimo. In queste aree il lockdown è necessario, in altre aree del Paese no”.

Proprio nella mattinata di ieri il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, in una delle sue quotidiane interviste televisive ha tirato in ballo le posizioni di Ricciardi:  “Voglio capire se è una valutazione empirica su dati oggettivi o se c’è qualcosa che non torna perché quindici giorni fa il presidente della Regione annunciava un imminente lockdown, perché la situazione negli ospedali era al collasso, e confermo che la situazione negli ospedali e non solo negli ospedali e’ al collasso e Ricciardi, consulente del Governo, diceva che Napoli e Milano dovevano andare immediatamente in zona rossa”.