Cresce il numero di contagi nelle carceri napoletane, stop alle visite con i parenti

Cresce il numero di contagi nelle carceri napoletane, stop alle visite con i parenti

Stamattina nell’istituto è giunto il personale sanitario allo scopo di scoprire eventuali altre positività


NAPOLI – Oltre 70 il numero di contagiati all’interno del carcere Pasquale Mandato di Secondigliano, a scopo precauzionale i parenti dei detenuti dovranno rinunciare alle visite. Stamattina nell’istituto è giunto il personale sanitario allo scopo di sottoporre i detenuti a un ciclo di tamponi e scoprire così eventuali altre positività.

La situazione è complicata anche al Giuseppe Salvia di Poggioreale. Nelle scorse settimane erano emersi 4 casi, ma negli ultimi giorni se ne sono aggiunti altri, aumentando quindi il rischio di diffusione del contagio, soprattutto a causa del sovraffollamento delle celle. La situazione è critica e la preoccupazione è alta, tanto che domani mattina il garante regionale dei detenuti Samuele Ciambriello insieme al garante del Comune di Napoli, Pietro Ioia e ad alcune associazioni e parroci incontreranno il prefetto Marco Valentini.

“La grave emergenza Covid sta implacabilmente coinvolgendo il sistema penitenziario in Campania – afferma il garante regionale Samuele Ciambriello – Risultano contagiati più di 150 detenuti, tra i quali 6 ricoverati presso ospedali, più di 200 tra agenti di polizia penitenziaria, personale medico, personale amministrativo.
Questa situazione grave, preoccupante, mi ha indotto a scrivere al Prefetto di Napoli, per chiedergli la disponibilità per un incontro con me ed una delegazione, per discutere di queste problematiche”
L’intento è quello di garantire la sicurezza pubblica, sia dei detenuti all’interno delle carceri sia dei loro familiari.