Immigrati trasportati in cella frigorifero di un tir: arrestato autista

Immigrati trasportati in cella frigorifero di un tir: arrestato autista

C’erano una donna e 3 minori di età compresa tra i 15 e i 17 anni


BENEVENTO – E’ stato arrestato dai carabinieri, con l’accusa di traffico di esseri umani, l’autista di 64 anni di nazionalità bulgara, che ieri trasportava nella cella frigorifero del suo tir, lungo la “Telesina” alle porte di Benevento, otto cittadini stranieri. I carabinieri del Nucleo Opertivo e Radiomobile della Compagnia di Benevento dopo alcuni accertamenti sul mezzo hanno scoperto otto cittadini stranieri extracomunitari, tra cui una donna e 3 minori: in particolare, si tratta di 4 uomini tutti provenienti dall’Afghanistan, una donna di nazionalità iraniana e 3 minori, tra i 15 e 17 anni, provenienti dalla Siria. Tutti si trovano in buone condizioni di salute e sono risultati negativi ai test per il Covid. Gli stranieri, tutti irregolari, sono stati denunciati per favoreggiamento all’immigrazione clandestina, avendo ammesso di aver pagato una somma in denaro ad appartenenti ad una organizzazione criminale per il viaggio.
L’autista dell’autoarticolato, dopo le formalità di rito, è stato arrestato e trasferito nel carcere del capoluogo sannita. I  tre minori sono stati invece affidati ai servizi sociali, mentre gli altri cinque stranieri sono stati accompagnati ad un Centro di accoglienza. E’ presumibile che gli otto extracomunitari fossero diretti verso il Nord Europa.