Inferno in ospedale, 4 morti mentre attendevano la fila per entrare al pronto soccorso

Inferno in ospedale, 4 morti mentre attendevano la fila per entrare al pronto soccorso

Tutti deceduti mentre erano in attesa di un posto letto


CASTELLAMMARE DI STABIA – Un vero e proprio incubo quello che si è vissuto questa notte all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia dove ben 4 persone sono decedute su di una barella mentre attendevano di poter entrare al pronto soccorso e ricevere le cure adeguate. Pazienti a cui il cuore si è fermato, mentre erano ancora in attesa di un posto letto, dopo la fila a bordo dell’ambulanza.

Da 15 giorni ormai il pronto soccorso è inaccessibile. Ed anche l’ala “pulita” è stata convertita in presidio Covid per provare a rispondere alle esigenze degli utenti, sempre più numerosi e costretti ad attese interminabili per trovare spazio nel reparto. Sono 15 le ambulanze presenti da giorni nel parcheggio del San Leonardo, a cui si aggiunge una fila di autovetture in cui i pazienti vengono accuditi dagli infermieri, costretti a fare la spola, dentro e fuori, per garantire un minimo di assistenza.

La chiusura degli ospedali di Vico Equense e Gragnano, unitamente alla conversione in Covid Hospital degli ospedali di Boscotrecase e Torre del Greco, tuttora saturi, ha trasformato il pronto soccorso del San Leonardo nell’unico presidio disponibile per un’utenza di circa un milione di persone, generando un’emergenza divenuta ormai ingestibile. Il direttore dell’Asl Napoli3 Sud aveva annunciato nei giorni scorsi a “Repubblica” che in settimana sarebbero state attivate le convenzioni con 3 cliniche private e che, nel frattempo, sarebbero stati ampliati gli ospedali di Torre del Greco e Boscotrecase, per un totale di 90 posti letto in più. Ma intanto il San Leonardo è un autentico inferno. I pazienti vengono curati in strada. Come in guerra. E in 4 hanno perso la vita nella notte più triste, senza ricevere assistenza.

Fonte Repubblica