Morte Maradona, le accuse dell’avvocato: “Lasciato solo per 12 ore e soccorso in ritardo”

Morte Maradona, le accuse dell’avvocato: “Lasciato solo per 12 ore e soccorso in ritardo”

“L’ambulanza ha impiegato più di mezz’ora per arrivare, è stata un’idiozia criminale, indagheremo”, ha detto il legale


BUENOS AIRES – Matías Morla è stato l’avvocato di Diego Armando Maradona negli ultimi anni della sua vita. Una figura fondamentale nell’entourage del Dieci, che questo giovedì, attraverso un comunicato caricato sui social, ha mosso una forte critica al personale sanitario per le mancate cure mediche ricevute da Diego nelle sue ultime ore di vita. L’avvocato ha puntato il dito sia sul ritardo dell’ambulanza ma anche sulla mancanza di controllo da parte dei medici che dovevano prendersi cura del Pibe de Oro. Infatti secondo gli inquirenti, che stanno svolgendo un’indagine sulla morte di Maradona, l’ultima persona che lo ha visto vivo è stato suo nipote 12 ore prima.

“Sei il mio soldato, agisci senza pietà”

Queste le dichiarazioni di Matías Morla che dimostrano il legame sentimentale con la leggenda del calcio mondiale: “Oggi è un giorno di profondo dolore, tristezza e riflessione. Sento nel cuore la partenza del mio amico, che ho onorato con la mia lealtà e il mio sostegno fino all’ultimo dei suoi giorni. Gli ho dato l’addio di persona e la veglia dovrebbe essere un momento intimo e familiare.” Poi però rincara la dose accusando il personale sanitario di negligenza: ” Quanto al verbale della Procura di San Isidro, è inspiegabile che per 12 ore il mio amico non abbia avuto attenzioni o controlli da parte del personale sanitario dedito a questi fini. L’ambulanza ha impiegato più di mezz’ora per arrivare, è stata un’idiozia criminale. Questo fatto non deve essere trascurato e chiederò che le conseguenze siano indagate fino alla fine. Come mi ha detto Diego: sei il mio soldato, agisci senza pietà”.  Poi infine conclude: “Riposa in pace, fratello.”

FONTE: CORRIEREDELLOSPORT.IT