Napoli, il Covid fa un’altra “vittima illustre”: chiude il Caffè Gambrinus

Napoli, il Covid fa un’altra “vittima illustre”: chiude il Caffè Gambrinus

“Sono allo stremo delle mie possibilità. Con le limitazioni previste non possiamo andare avanti”, ha detto uno dei proprietari


NAPOLI – Lo storico Caffè Gambrinus di Napoli è costretto a chiudere i battenti per la crisi dovuta alla diffusione del Coronavirus. Da domani, il locale non riaprirà. All’Ansa, i gestori hanno dichiarato quanto segue:

“Sono allo stremo delle mie possibilità. Con le limitazioni previste non possiamo andare avanti”, ha detto Antonio Sergio, tra i proprietari del noto bar napoletano.

Abbiamo deciso di chiudere indipendentemente da misure nazionali e regionali. Abbiamo messo in cassa integrazione, per la prima volta nella storia del Caffè, 15 dipendenti ma ce ne sono altri trenta da pagare. Non ce la facciamo” – ha continuato.

Prima del Gran Caffè Gambrinus, il Covid-19 ha decretato la chiusura di un altro dei locali più amati d’Italia: la sede di Sal De Riso a Minori, noto pasticciere che ha deciso di salutare i suoi clienti dedicandogli un post.

Non si fermano, intanto, le proteste di commercianti e lavoratori che rivendicano il proprio diritto al lavoro.