Negozio in fiamme a Posillipo, i clienti avviano una raccolta fondi

Negozio in fiamme a Posillipo, i clienti avviano una raccolta fondi

Le parole del titolare: “Decisi di aprire questo negozio nel 2000, lo feci per non andarmene via da Napoli”


NAPOLI – “Qualcuno ha incendiato il mio negozio, non so ancora se per cattiveria, invidia o gelosia, hanno distrutto 20 anni di sacrifici. È un duro colpo, ma proveremo a rialzarci” con queste parole di un post pubblicato su Facebook,  Vincenzo Vitiello titolare, insieme alla moglie Francesca Pinto, del negozio “Shopping Posillipo” di articoli per la casa e per la scuola fa sapere dell’incendio di origini dolose che ha bruciato il suo negozio.

I concittadini si stringono al dolore dei due, tanto che è già partita una raccolta fondi avviata da Iris Savastano, consigliere della prima municipalità Chiaia – San Ferdinardo – Posillipo. In pochissimo sono stati già raccolti i primi tre mila euro grazie ai 63 donatori e alle 639 condivisioni.

“Appena le persone hanno saputo la notizia – ha detto Vincenzo – sono accorse nel negozio. Mi hanno visto crescere e per loro è stato come vedere andare in fumo un pezzo di cuore. Sarà dura ma ci rialzeremo”. Un gesto senza spiegazioni ha cancellato in un secondo 20 anni di storia: “Decisi di aprire questo negozio nel 2000, lo feci per non andarmene via da Napoli. Oggi ho 44 anni e rimettermi in gioco, ripartire da zero, sarà complicatissimo”