Notte di terrore a Napoli, spari contro palazzina: 10 proiettili tra mura e finestre

Notte di terrore a Napoli, spari contro palazzina: 10 proiettili tra mura e finestre

La raffica di proiettili è stata esplosa intorno alle 19


NAPOLI – Almeno dieci colpi di pistola sono stati sparati nel pomeriggio di ieri, 5 novembre, verso un edificio del Rione Traiano, complesso di edilizia popolare nell’area ovest di Napoli. Si tratta di una palazzina, come riportato da fanpage, bifamiliare al civico 370 del viale Traiano, i residenti sono incensurati e al momento non risultano legami con la criminalità, né organizzata né semplice. Le indagini sono affidate agli agenti del commissariato San Paolo della Polizia di Stato, intervenuti per i sopralluoghi col supporto dei colleghi della sezione Scientifica.

La raffica di proiettili è stata esplosa intorno alle 19. Pochi minuti prima c’era stata un’altra segnalazione di colpi di arma da fuoco nella vicina via Marco Aurelio, ma gli agenti non avevano trovato riscontri; probabilmente si è trattato dello stesso episodio, ma riferito da un passante che non era riuscito a localizzare esattamente la provenienza dei rumori. A chiamare le forze dell’ordine per gli spari è stato uno dei residenti, che dopo aver udito i boati in rapida successione si è reso conto dei danni nella palazzina. Impossibile, per ora, stabilire il calibro dei colpi e di conseguenza anche quante pistole hanno sparato: gli esperti stanno esaminando le ogive, risultate deformate dall’impatto. Complessivamente i colpi sono almeno una decina, hanno colpito i muri esterni e la tapparella di una delle finestre. Non risultano danni di altro tipo e non ci sono stati feriti. Esclusa l’ipotesi di una stesa, ovvero di spari senza un obiettivo preciso a scopo intimidatorio o per rimarcare la presenza di un clan sul territorio, gli agenti stanno cercando di ricostruire l’episodio; tra le ipotesi, anche quella di una ritorsione per motivi personali.